L'Etna ci prende gusto e protrae lo spettacolo

L''Etna  non solo è spettacolare ma con la sua attività multi-variabile è come un destriero a cui è molto difficile mettere le briglie.
Nel momento in cui pare che segua un ordine confermato nello sviluppo delle sue eruzioni ecco che ha degli sbalzi presentando o un inusuale margine di anticipo sullo sviluppo dell'eruzione prevista oppure come sta accadendo ora protrae oltre il previsto la sua attività.
Stando alla regola dei segnali "C" ampiamente comprovata dalle diverse ultime eruzioni, ieri sarebbe dovuta cessare l'attività, ciò non è avvenuto e si è protratta. Quindi suppongo che essendo gli sciami di scosse che hanno preceduto gli ultimi parossismi la sola anomalia che ho potuto notare, anche stavolta le scosse hanno condizionato in qualche modo lo sviluppo "regolare" dell'eruzione cambiandone i tempi consueti, una prima volta accellerando l'eruzione di 1/2 gg, una seconda volta ritardandone la fine.
Resta comunque il fatto certo che i segnali "C" legati ed ininterrotti abbiano previsto ancora una volta con i soliti 5 giorni di anticipo un parossismo dell'Etna che avrebbe avuto inizio il 5 novembre, così è effettivamente avvenuto ma resta l'incertezza del suo protrarsi oltre il giorno previsto.
Potrei ancora opinare che alcuni segnali "C" nel prospetto per le previsioni per il giorno 12 novembre sono legati e fanno pensare ad eventi vulcanici (per il giorno 10) e il protrarsi dell'eruzione sia semplicemente dovuta al fatto che gli eventi dei giorni precedenti si siano saldati a quelli seguenti formandone un unico episodio. E' solo un'opinione ma potrebbe essere una valida opinione. 

Scritto lunedì 11 novembre 2013 alle 10:51

Tags: previsioni, precursori, sciami, terremoti, vulcano

0 commenti

Archivio 2013 (90)
dicembre (10) novembre (5) ottobre (4) settembre (6) agosto (7) luglio (5) giugno (5) maggio (10) aprile (13) marzo (12) febbraio (10) gennaio (3)